Il punto vendita di Charleroi della catena di abbigliamento irlandese Primark sarebbe vittima di un bagarinaggio. Questa è la pratica per cui le persone comprano tutti gli articoli di un prodotto particolarmente ricercato al fine di creare una scarsità e poi li vendono online ad un prezzo maggiorato.

L’emittente francofona RTL Info riferisce che i tostapane con il logo di Topolino, le decorazioni natalizie e i peluche a tema Disney sono esauriti nella città belga.

Le persone coinvolte nel bagarinaggio spesso si concentrano su prodotti che non possono essere riforniti dal grossista. La pratica è famosa nell’industria dell’intrattenimento, dove le persone desiderose di fare soldi in fretta comprano i biglietti per concerti popolari.

Gino Van Ossel, professore di retail management alla Vlerick Business School, sottolinea ciò che è successo l’anno scorso quando ci sono stati problemi di approvvigionamento delle PlayStation a causa della pandemia. L’azienda aveva fatto molta pubblicità e tutte le scorte che sono finite nei negozi sono state rapidamente acquistate e rivendute online con profitto.

Il Prof Van Ossel dice che lo scalping può essere facilmente evitato se i rivenditori limitano il numero di prodotti che ogni cliente può acquistare. Tuttavia, i negozi sono stati anche conosciuti per speculare sul verificarsi dello scalping e fornire solo articoli esclusivi e a prezzi elevati a un numero limitato di negozi.