Oltre alle bandiere arcobaleno, nei prossimi giorni ad Amsterdam si potranno vedere dozzine di bandiere nazionali con uno stendardo a lutto: sono le bandiere dei 71 Paesi dove l’omosessualità è ancora bandita.

1/3, più di 2 miliardi di persone, vive in uno dei 71 paesi. Obiettivo del progetto? Riportare a zero il numero di flag, dice il promotore Verhoeven.

La pena di morte può essere comminata in 11 dei 71 paesi per omosessualità. “Finché ci saranno paesi in cui il Pride non può essere organizzato affatto, abbiamo l’obbligo morale, nonostante le misure Covid, di cercare di organizzarlo. In questo modo, attiriamo l’attenzione sulla situazione in altri paesi”, afferma Verhoeven.

Da quando la fondazione è stata istituita cinque anni fa, Verhoeven è stata in grado di abbassare nove bandiere, con l’ultimo paese in ordine temporale, il Bhutan, dice NOS. L’anno scorso, il parlamento del Paese dell’Asia meridionale ha annullato la criminalizzazione dell’omosessualità. Durante l’apertura del Pride, Cornelis Klein, console onorario del Bhutan, ha ricevuto la sua bandiera nazionale e una bandiera del Pride.