Il mercato immobiliare olandese sta cambiando direzione, pensano gli economisti del mercato immobiliare di ABN Amro. Il numero di acquisti di case scende, ci sono più immobili in vendita e i prezzi stanno calando. Secondo le stime,  i prezzi delle case dovrebbero diminuire del 2,5% nel 2023, dice NOS.

Il motivo del rallentamento del folle mercato immobiliare è il calo del potere d’acquisto dovuto, tra l’altro, all’elevata inflazione, all’aumento dei tassi dei mutui e alla recessione economica.

I recenti dati trimestrali dell’associazione immobiliare NVM hanno mostrato la scorsa settimana che un vento diverso ha iniziato a soffiare sul mercato immobiliare: i prezzi delle case sono diminuiti del 5,8 per cento nel terzo trimestre rispetto al secondo trimestre.

Ad ABN Amro, pensano che il calo dei prezzi sarà la tendenza per il prossimo anno. L’aumento precedentemente stimato del 2,5% è stato adeguato a una diminuzione del 2,5%.

Inoltre, secondo gli economisti immobiliari, la correzione dei prezzi sta avvenendo in tempi relativamente brevi rispetto ai precedenti periodi di recessione economica. Soprattutto nelle quattro grandi città (Amsterdam, Rotterdam, Utrecht e L’Aia), la crescita dei prezzi sta rallentando rapidamente perché il numero di transazioni è diminuito molto negli ultimi tempi.

“Questa volta, l’adeguamento del prezzo segue il calo della compravendita molto più velocemente, in modo che le transazioni rimangano ragionevolmente stabili e impediscano la chiusura del mercato immobiliare”, afferma Philip Bokeloh, economista presso ABN Amro a NOSA.

Il calo dei prezzi delle case è favorevole per chi acquista ma in combinazione con una carenza di alloggi e tassi di interesse sui mutui più elevati, questo fattore non è immediatamente visibile per chi decide di comprare un immobile in Olanda.