Come racconta il quotidiano Trouw, mercoledì scorso il prete Pierre Valkering avrebbe donato al Papa un libro sull’omosessualità. Intitolato “Dag jongen van licht” (“Addio ragazzo di luce”) il tomo comprende trenta discorsi del pastore Jan Van Kilsdonk proferiti negli anni ottanta durante i funerali di omosessuali morti di AIDS. Jan Van Kilsdonk, morto nel 2008, è stato un autentico eroe nella battaglia per i diritti della comunità LGBT; e Pierre Valkering sta seguendo il cammino da lui tracciato. La Chiesa dà un messaggio sbagliato agli omosessuali, dice, dove traspare l’idea che la loro vita sessuale e relazionale sia sbagliata. C’è bisogno di un papa che riformuli il contenuto della morale sessuale cattolica. Francesco è comunque considerato un innovatore, avendo usato toni a riguardo ben più miti dei suoi predecessori. L’Unione dei Pastori Cattolici Omosessuali (WKHP) spera che il libro possa ridiscutere l’opinione sulla vita relazionale dei gay secondo i cattolici. La WKHP respinge inoltre l’idea che tale “pratica”sia peccaminosa. “La concezione ufficiale della Chiesa sull’omosessualità è dannosa e biasimevole” scrive l’organizzazione sul proprio sito web, “l’omosessualità è per noi un dono del Signore”.