+31mag Channels

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Premio cultura Prince Claus Fund assegnato a Kidlat Tahimik

Kidlat Tahimik è stato insignito per il suo contributo nel preservare la cultura indigena attraverso film, performance, architettura e incisioni

Il  Premio Prince Claus riconosce i visionari culturali, quest’anno è stato assegnato anche all’artista filippino Kidlat Tahimik, il cui nome significa “fulmine silenzioso”.

Prima della cerimonia dell’assegnazione dei premi, Kidlat Tahimik ha detto in un intervista che non si aspettava di ricevere questa onorificenza poiché nel 2014 era stato assegnata al collega Lav Diaz, ed inoltre perché non credeva di essere ancora valutato nel panorama europeo.

“Come ho detto, non voglio essere categorizzato come regista. Faccio molte cose, performance, installazioni, anche nell’ambito dell’architettura. Sono un guerriero culturale su tutti i fronti.”

Quando lavorava come ricercatore economico all’OCSE di Parigi, si è innescata in lui la passione per il cinema. Ha deciso così di strappare la sua laurea e lasciare il lavoro, dedicando tutte le sue energie nel suo primo film, Perfumed Nightmare (1977), una versione romanzata del suo viaggio personale verso occidente; pellicola premiata all’International Critics Award di Berlino. Kidlat Tahimik organizza conferenze di popoli indigeni provenienti da tutto il mondo. Ha progettato e costruito due centri d’arte grazie all’aiuto di artigiani locali dove artisti e artigiani possono esibire le loro opere. Si dedica inoltre a seguire i giovani creativi e promuove la creatività indipendente nei laboratori.

Il premio è presentato annualmente dalla Prince Claus Fund e assegnato a individui, gruppi, e organizzazioni che contribuiscono con un impatto positivo allo sviluppo delle società.

Kidlat Tahimik è stato citato per il suo contributo nel preservare la cultura indigena attraverso film, performance, architettura ed incisioni.
Il Principe Constantijn, presidente onorario della Prince Claus Fund, ha descritto Kidlat Tahimik come “un artista stravagante” che “porta rispetto per le tribù indigene.”

Kidlat Tahimik ha ricevuto il premio indossando un perizoma e poi ha scattato un selfie con il principe Constantijn sul palco con la sua fotocamera in bamboo. Si è tolto la cravatta come tributo al Principe Claus, il quale, nel 1998 durante un discorso ad un’apertura di una sfilata di moda, si è tolto la cravatta definendola come “un serpente intorno al collo.”

La serata prima della cerimonia in una performance pubblica delle persone premiate, Kidlat ha di nuovo mostrato il posto dove la cravatta dovrebbe stare, arrotolandola nel suo perizoma.

La sua performance passionale e piena di umorismo nei confronti dei film di Hollywood, fornisce uno sguardo più approfondito nella situazione cinematografica delle Filippine.

La cultura è così importante. È un ingrediente importante per il progresso e la modernizzazione. Se la perdiamo tutti, a che cosa serve quanto abbiamo imparato? Dobbiamo guardare al nostro lato umano,” ha detto.

L’artista ha riferito che utilizzerà i soldi del premio per costruire un villaggio.


31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news, reportage e video inediti in italiano.
Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

Recharge us!