PostNL è sempre più colpita dall’inflazione: costi del carburante alle stelle e meno lavoro hanno avuto come conseguenza, un calo dei risultati del terzo trimestre, scrive NOS.

Aumento dei prezzi del carburante e i costi salariali renderanno la situazione peggiore nel breve periodo, afferma la società. Sono attualmente in corso le trattative per i contratti collettivi di lavoro con i sindacati: PostNL ha fatto un’offerta salariale che secondo il sindacato FNV è “tragicamente bassa”.

Il sindacato minaccia scioperi ma intanto i colloqui proseguiranno fino alla fine di questo mese. Per PostNL questa situazione significa che alcuni prezzi aumenteranno: ad esempio, la società in precedenza aveva aumentato il prezzo dei francobolli a oltre 1 euro.

Questo taglio alle posizioni non si applica ai postini, afferma PostNL. Al momento sono 1389 i posti vacanti. Ad agosto, PostNL ha annunciato che avrebbe offerto contratti a tempo indeterminato per cercare di attirare lavoratori, dice NOS.