Pic author: Automobile Italia, source: flickr.com, licence: CC BY 2.0

L’inflazione nei Paesi Bassi è cresciuta dell’1,6% a giugno, un aumento significativo tra i Paesi in Europa, come mostrano i dati dell’agenzia statistica CBS. L’aumento dei prezzi della benzina e un’imposta più elevata sul tabacco sono stati i principali fattori, ha affermato la CBS. La crisi del coronavirus ha fatto calare la domanda di benzina e prezzi delle pompe, ha detto all’emittente NOS il capo economista della CBS Peter Hein van Mulligen. “Ma ora che ci sono segnali di ripresa economica, il traffico è in aumento e l’aumento della domanda di energia significa che i prezzi della benzina saliranno di nuovo.”

Un appuntamento dal parrucchiere è diventato circa il 4% più costoso e anche i vestiti sono aumentati di prezzo. L’aumento delle tasse olandesi sul tabacco in aprile è stato citato come un altro fattore. Le fatture di bar e ristoranti non hanno mostrato un aumento simile. Van Mulligen ha affermato che i prezzi potrebbero aumentare nei prossimi mesi man mano che torna tutto alla normalità e i proprietari cercano di recuperare le perdite negli ultimi due mesi. L’aumento dei prezzi della benzina sta alimentando l’inflazione in tutta Europa, ma l’aumento è molto più alto nei Paesi Bassi rispetto ad altri paesi. L’inflazione in Belgio e Germania, ad esempio, è rispettivamente dello 0,2% e dello 0,8%.