La polizia olandese sta attraversando uno dei più difficili momenti degli ultimi tempi: decine di agenti sono sotto inchiesta per corruzione e violazione del segreto istruttorio e la questione non sarebbe limitata a poche mele marce.

Secondo AD, che ha visionato un rapporto interno, i corpi di polizia sarebbero stati strutturalmente infiltrati dalla criminalità organizzata con ben 19 agenti del comando di Utrecht con stretti legami con il sottobosco mafioso locale.

La gang di Ridouan Taghi, uno dei criminali più ricercati d’Olanda, avrebbe avuto contatti molto stretti con uno dei vertici del commissariato di Utrecht. Ad Amsterdam, uno degli ufficiali più anziani e finito in manette perchè sospettato di aver passato alle organizzazioni delle informazioni sulle indagini sul loro conto.

La faccenda è talmente seria da aver costretto l’intera organizzazione della polizia a “guardare dentro casa” per cercare di frenare un fenomeno che appare strutturale.

Il quadro sulle forze di polizia è desolante: Carel Boers, assunto come esperto antidiscriminazione, ha lasciato il suo incarico denunciano una sistematica violazione delle regole di condotta e un abuso costante di razzismo e termini derogatori all’interno dei corpi