POLITICA I grandi elettori hanno scelto il nuovo Senato (Eerste Kamer), coalizione di governo lontanissima dalla maggioranza

La data del 26 maggio era attesa dalle provinciali di marzo e infondo, con rispetto parlando per le beghe locali, l’unico vero obiettivo della politica nazionale. Rispettando i pronostici, i 570 grandi elettori provinciali hanno disegnato un frammentato mosaico, dove grande sconfitta è la coalizione di governo. Se il VVD rimane comunque il primo partito con 13 seggi, i laburisti del Pvda quasi dimezzano gli scranni, passando da 14 ad 8. Bene il CDA, i cristiano-democratici, che da 11 salgono a 12 e benissimo il D66 che raddoppia, da 5 a 10. Agli estremi, il PVV perde un seggio, scendendo a 9, a pari merito con l’SP che ne guadagna uno. Sempre a 6 la percentuale di seggi ambientalisti, ma se il Groenlinks perde un senatore, il Partito per gli Animali ne guadagna uno e guadagnano anche i partiti cristiani, con i protestanti-riformati che salgono a 2 ed il Christian Unie che conquista un terzo scranno.

Le reazioni: (quasi) tutti soddisfatti. E ora quale maggioranza (per il governo senza maggioranza)?

Come riportato da Nos, il voto ha confermato le attese e a parte la delusione del Pvda, le altre formazioni hanno commentato i risultati in maniera positiva. Se il VVD è soddisfatto per aver mantenuto il primato anche alla Camera Alta, D66 e CDA, esultano per aver incrementato il loro peso nell’assemblea.

Il governo era pronto alla disfatta, per la coalizione, ma nero su bianco il quadro è peggiore di quanto non sembrasse: con appena 21 seggi, la maggioranza di 38 appare ora lontanissima. Nei suoi due anni e mezzo di vita, il gabinetto lib-lab ha potuto fare affidamento su 3 partiti “Responsabili”, Christian Unie, SGP e D66 che grazie ad un’estenuante opera quotidiana di compromesso hanno consentito al governo di far passare le legislazioni più controverse, garantendo i numeri. Ma i pessimi risultati dei laburisti e le perdite per i liberali non sono state colmate dai buoni risultati ottenuti dai partiti cristiani e dal partito di Pechtold; alla conta mancano comunque due seggi. Dove trovarli? Loek Hermans, capogruppo VVD al senato, sostiene la necessità di costruire alleanze diverse di volta in volta ma i partiti fuori dall’accordo di governo, sono pronti a vendere caro il loro sostegno.

Author: Rijksvoorlichtingsdienst Source: flickr License: CC 2.0

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli