Nei quartieri olandesi a basso reddito medio ci sono quasi il doppio dei fast-food rispetto ai quartieri ricchi mentre il numero di negozi di prodotti freschi è lo stesso nei quartieri poveri e ricchi, dice il programma Pointer sulla base di una sua ricerca.

Pointer ha analizzato i dati nazionali di ristorazione e vendita al dettaglio dell’agenzia di ricerca Locatus per il 2011 – 2021 e ha osservato che durante quel periodo hanno aperto migliaia di fast food, negozi di donuts, gelaterie e negozi di doner mentre il numero di negozi di prodotti freschi, come panifici e fruttivendoli è diminuito.

Un’analisi più approfondita dei dati del 2021 mostra ora che l’offerta di “junk food” malsano per abitante nei quartieri più poveri è quasi due volte maggiore che nei quartieri più ricchi: l’offerta nelle zone residenziali con molti redditi bassi consiste in media in undici fast-food ogni 10.000 abitanti. 

Gli olandesi con un basso livello di istruzione vivono 6 anni in meno e 15 anni in meno in buona salute rispetto alle persone con un alto livello di istruzione, dice uno studio RIVM citato da Pointer.

I medici e gli scienziati sono preoccupati per l’ambiente alimentare malsano, perché contribuisce ad aumentare l’obesità e le malattie che ne derivano come il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari e il cancro.  

Giovedì prossimo, il sottosegretario Maarten van Ooijen discuterà con la Commissione per la salute pubblica della Kamer ciò che è legalmente possibile garantire in un ambiente alimentare sano.