I comuni della regione di Rijnmond stanno rafforzando la supervisione del rispetto delle misure della corona. L’industria alberghiera e della ristorazione deve far fronte a regole più severe e studenti, organizzazioni religiose e di migranti sono chiamati a proporre idee per incoraggiare i membri a rispettare meglio le regole, scrive Rijnmond. È vietato riunirsi in casa con gruppi numerosi, ha detto il sindaco Ahmed Aboutaleb parlando a nome di Rotterdam e dei comuni della regione.

Aboutaleb ha detto a margine della conferenza che:  “Con il rilassamento di giugno, abbiamo creato un clima che fa pensare alle persone che non c’è più emergenza”. Compito delle istituzioni, secondo lui, è invertire la tendenza.

Il sindaco Aboutaleb si è detto molto preoccupato: “Non mi farò prendere dal panico, ma sono davvero preoccupato. Il numero di nuove infezioni sta aumentando di centinaia al giorno, nelle case degli studenti, ma anche nelle case di cura e negli ospedali. ”

Dalle 18 di domenica prossima, entreranno in vigore le misure annunciate dal governo.

  • Vietate riunioni di più di 50 persone e necessario, nei casi in cui sono permesse, richiedere una licenza al comune
  • Locali chiusi all’1 e musica spenta già dalle 12am
  • Take away chiusi alle 2, stop alcol all’1
  • Norme sul distanziamento applicate con più rigidità
  • Orari di apertura speciali in biblioteche, piscine e altri spazi associativi per anziani e altre persone a rischio
  • No ad obbligo di mascherina, per il momento, ma il sindaco non lo esclude

Il sindaco ha parlato per tutta la giornata di venerdì con i rappresentanti di grandi che, tra l’altro, sono considerati a rischio per la diffusione del coronavirus, come gli studenti, le organizzazioni religiose e quelle di migranti.