Amsterdam è ancora città dei record, anche se non molti saranno felici di leggere questo: secondo una classifica stilata dalla startup britannica Nested la capitale olandese si piazza al diciassettesimo posto nella classifica delle città più care al mondo in termini di affitto a scopo abitativo, secondo la startup britannica Nested che ha compilato la classifica, riporta l’emittente olandese AT5.

Nested ha selezionato 72 città tra i più importanti centri al mondo e ha messo a confronto i prezzi medi degli affitti incrociati con i redditi: ad Amsterdam, il costo al metro quadro è di 22,06 euro, ed ogni persona paga in media 860 euro mensili. Ciò è possibile solo con un reddito annuo di almeno 35.605 euro. Se si parla di nucleo familiare, l’affitto medio è 1.632 euro, per cui è necessario un reddito annuo di 67.558 euro.

La top five delle città dagli affitti proibitivi è, in ordine: San Francisco, New York, Hong Kong, Dubai e Singapore.