I pediatri dei Paesi Bassi fanno appello al governo affinchè consideri il divieto di energy drinks ai minori di 18 anni. Secondo i medici, molti bambini e adolescenti soffrono di disturbi quali irrequietezza, affaticamento e aritmia cardiaca a causa di Red Bull, Monster e altre bevande a base di caffeina.

Secondo la pediatra Brita de Jong-Van Kempen al portale NOS non si tratta di “bibite innocenti”: “gli effetti sarebbero tanto evidenti che anche nelle scuole queste bevande  sono già state rimosse dai distributori automatici, perché i bambini non possono concentrarsi”.

Secondo l’associazione olandese per la pediatria NVK, gli adolescenti bevono fino a sei lattine di energy drinks al giorno e un numero crescente di giovani finirebbe al pronto soccorso a causa di disturbi causati dall’abuso di Red Bull.

Il Centro nutrizionale olandese raccomanda che i bambini di età inferiore ai 13 anni non bevano bevande energetiche e che i ragazzi di età compresa tra 13 e 18 anni non bevano più di una lattina al giorno. Le lattine di bevande energetiche mostrano anche un avvertimento obbligatorio che queste bevande non sono raccomandate per i bambini. Ma secondo i pediatri, questo non è abbastanza.

Troppa caffeina, troppo zucchero e taurina, sarebbero nocivi per la salute dei più giovani. De Jong-Van Kempen sottolinea come fosse normale che i bambini bevessero alcolici, prima che si conoscesse la nocività della sostanza. 

Il ministero della sanità pubblica, del welfare e dello sport -tuttavia- non sta prendendo in considerazione tali restrizioni, ha scritto AD. Il Ministero sottolinea che è responsabilità dei genitori avvertire i propri figli sui pericoli delle energy drinks.