L’imputato si è dichiarato colpevole: nel processo per crimini contro l’umanità The Prosecutor v. Ahmad Al Faqi Al Mahdi, iniziato stamattina davanti all’ICC de l’Aja, l’esponente dell’organizzazione terroristica Tuareg “Ansar Dine”, arrestato in Niger lo scorso anno su mandato della Corte, ha ammesso di aver guidato milizie della sua organizzazione, nella distruzione di alcuni siti archeologici patrimonio dell’umanità nell’area di Timbuktu.

I siti in questione, elencati nell’ordinanza di rinvio a giudizio, sono:  il Mausoleo di Sidi Mahmoud Ben Omar Mohamed Aquit, il Mausoleo dello Sceicco Mohamed Mahmoud al-Arawani, il Mausoleo dello sceicco Sidi Mokhtar Ben Sidi Muhammad Ben Sheikh Alkabir, il Mausoleo di Alpha Moya, il Mausoleo di Sidi Mahmoud Ben Amar, il Mausoleo dello Sceicco Muhammad El Micky e la moschea di Sidi Yahya.

Il procedimento è il primo della Corte per i fatti del 2012 in Mali e il primo in assoluto per crimini contro il patrimonio dell’umanità.

La durata del procedimento, in presenza di un’ammissione di colpa, si concluderà questa settimana stessa.