Forum voor Democratie, il partito politico di estrema destra, anti-europeista che parteciperà alle elezioni europee per la prima volta a maggio, si unirà al gruppo dei Conservatori e Riformisti europei se vincerà seggi al Parlamento europeo.

La notizia è emersa durante una riunione dei partiti membri dell’ECR a Parigi, in cui erano presenti anche FvD e il nuovo partito francese Debout La France. Entrambi i partiti sono “impegnati a costruire una nuova visione per l’Europa”, ha detto l’ECR su Twitter.

“L’ECR è la voce moderata nel Parlamento europeo, una via di mezzo tra fanatici filo-UE e radicali anti-UE,” dice Zahradil Jan, il candidato del gruppo per la Commissione europea .

Il partito conservatore britannico e il PiS polacco al governo sono attualmente i maggiori partiti all’interno dell’ECR, che è noto per la sua posizione anti-federalista.

Anche i democratici svedesi nazionalisti sono membri.All’inizio di questa settimana, Baudet ha confermato il sostegno del suo partito per un Nexit. “Sono ideologicamente contrario all’Unione europea, al mercato interno, alle frontiere aperte, all’intera faccenda”, ha affermato Baudet secondo il Volkskrant. “

Questo è nel nostro programma elettorale ed è stata la nostra posizione per anni”. Due partiti protestanti olandesi – l’SGP e il partito governativo ChristenUnie – sono membri dell’ECR con un deputato ciascuno.

ChristenUnie ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiarava che avrebbe lanciato una campagna contro l’ammissione di FvD. “ChristenUnie e il gruppo ECR adottano un approccio critico nei confronti dell’Europa, ma il loro obiettivo principale è quello di riformarla dall’interno. FvD vuole portare i Paesi Bassi fuori dall’Europa il prima possibile “, ha affermato il partito.