I Paesi Bassi sono ormai quasi pronti per il terzo importante pacchetto di sostegno agli imprenditori. Il Ministero delle Finanze quest’anno ha già preso in prestito 108 miliardi di euro, la maggior parte dei quali utilizzati a finanziare aiuti al paese durante la crisi del coronavirus. Prima dell’emergenza sanitaria, il ministero prevedeva di chiederne soltanto 42.

Come sono stati utilizzati questi soldi?

Il governo ha utilizzato 37 miliardi in totale per le misure a sostegno delle imprese; 18,8 miliardi sono stati riservati agli imprenditori come sostegno salariale per il personale (NOW), 4 miliardi al pacchetto di sostegno per i lavoratori autonomi (TOZO) e 1.4 miliardi sono stati utilizzati per indennità e costi fissi (TOGS e TVL). Altri 1.4 miliardi di euro sono stati stanziati per i bonus al  personale sanitario. E 1.3 miliardi per garantire la disponibilità del trasporto pubblico.

In realtà, alcuni di questi costi sono stati inferiori alle aspettative. Ad esempio, il governo aveva stanziato oltre 9 miliardi di euro per il primo pacchetto NOW, ma l’agenzia UWV ne ha utilizzati soltanto 8 per pagare 140mila imprenditori richiedenti. Altri 12 miliardi di euro erano stati previsti per la seconda tranche ai sussidi salariali, ma il numero di aziende che ne ha avuto realmente bisogno era di gran lunga inferiore alle previsioni, sono stati spesi solo 1,5 miliardi di euro.

Il denaro è stato utilizzato anche per attuare misure fiscali. Come ad esempio l’abolizione dell’IVA per le mascherine facciali  e la compensazione per le perdite imprenditoriali durane la dichiarazione dei redditi.

Le entrate fiscali per il governo quest’anno dovrebbero essere inferiori di circa 25 miliardi di euro. E i costi per le indennità di disoccupazione e l’assistenza sociale cresceranno probabilmente  di 1,5 miliardi.

In tutto il governo nazionale, tra misure di sostegno e perdite, ha già stanziato 66 miliardi di euro.

I ministri stanno attualmente lavorando a un terzo pacchetto di sostegni . Quanti soldi saranno previsti per queste nuove misure non è ancora chiaro. Il quotidiano NOS scrive che i nuovi sostegni finanziari si protrarranno fino all’estate del 2021, ma che le misure saranno meno generose e che meno aziende potranno utilizzarle.

Come influirà questa situazione sul debito nazionale?

I paesi dell’eurozona hanno tutti concordato che i debiti nazionali dei membri non devono superare il 60% del loro prodotto interno lordo (PIL). Negli ultimi anni, i Paesi Bassi sono riusciti a ridurre il proprio debito a circa 400 miliardi di euro alla fine del 2019. All’epoca, era inferiore del 50% del PIL. Il che significa che il paese ha ancora un margine di manovra per poter prendere altri prestiti. Resta da vedere se i Paesi Bassi potranno rimanere al di sotto del 60% del PIL concordato. Questo sarà chiaro il mese prossimo, quando si presenteranno i risultati economici al Budget Day.