Parassiti, topi e ratti stanno aumentando rapidamente nei Paesi Bassi. Vengono anche registrate sempre più infestazioni di cimici, che erabo quasi scomparse dal paese nel secolo scorso. Lo scienziato Bastiaan Meerburg attribuisce la colpa all’emergere di piattaforme di condivisione di case come Airbnb, riporta NOS.

Oggi viaggiamo dappertutto, c’è una buona probabilità che portiamo con noi alcuni insetti, come la cimice”, ha detto Meerburg all’emittente televisiva. Le cimici preferiscono vivere nei materassi ed amano il sangue umano. “È un animale molto piccolo che si nasconde nelle fessure e nelle cuciture: una volta che hai le cimici in casa, allora tutto deve essere smontato per sbarazzartene”.

Le cimici sono diventate sempre più comuni nei Paesi Bassi dal 2010. “Viaggiano in valigie e vestiti se le persone non mantengono un livello di igiene adeguata”, ha detto Meerburg. “Tutte quelle persone che affittano la loro casa tramite Airbnb a poche decine di persone non sanno chi stanno portando nella loro casa, se quelle persone portano cimici, la loro pulizia costerà diverse migliaia di euro”.

Come si possono sconfiggere questi parassiti?

Un problema ancora più grande, secondo lo scienziato e direttore del centro di conoscenza e consulenza per il trattamento di parassiti animali KAD, è il crescente numero di topi e ratti. “Perché dal 2023 non ci sarà più veleno per topi o ratti da vendere ai privati, nemmeno per uso interno.” I veleni che vengono attualmente utilizzati sono molto tossici e difficili da smaltire.

Ciò che rende il problema  peggiore, è che sappiamo molto poco sui ratti, ha detto Meerburg. “Come si comportano nelle aree urbane, ad esempio, abbiamo un quadro limitato e le nostre ultime ricerche sulla resistenza dei ratti al veleno per topi, in collaborazione con l’Università di Wageningen, risale al 2012. Da allora non è successo nulla”.

La responsabilità per il controllo dei parassiti rientra sotto quattro diversi ministeri, e secondo Meerburg c’è poco coordinamento efficace tra loro. “E’ molto importante imparare di più sul comportamento dei ratti, perché se l’uso di veleno da parte di privati ​​sarà presto vietato, dovremo affrontare il problema in maniera diversa”.

Un altro importante strumento nella lotta contro i parassiti è la consapevolezza. Giovedì, nel World Pest Animals Day, una giornata di studio speciale si terrà presso l’Università di Wageningen. Meerburg partecipa alla giornata di studio come direttore del KAD.