Le due catene di supermerati Lidl e Jumbo hanno intrapreso azioni contro il packaging a base di oli minerali, presenti nelle confezioni di alcuni tipi di cibo, ritenuto cancerogeno. Jumbo ha deciso di alzare la soglia per gli alimenti in scatola mentre secondo quanto annunciato da Foodwatch lo scorso giovedì 18 Agosto, i supermercati Lidl stanno adottando misure persino più rigide attraverso la totale proibizione degli oli in questione.

Si tratta degli oli minerali MOAH e MOSH, per I quali è stato trovato un collegamento diretto per quanto riguarda le probabilità di contrarre cancro o danni agli organi. Pare che tali oli finiscano impacchettati attraverso l’utilizzo di vecchio inchiostro da stampa per imballaggi e inseriti in un derminato tipo di cartone riciclato. Gli studiosi hanno scoperto che molte di queste confezioni sono presenti quotidianamente nella dieta quotidiana consumata degli olandesi  inclusi riso, pasta e cereali.

Nello specifico l’organizzazione ha messo in luce come su 120 prodotti, circa metà di questi contenga MOAH mentre il 92% è contaminato dal MOSH. Le due catene Aldi e Albert Hejin hanno affermato che al momento non intendono cambiare le loro politiche riguardo queste sostanze.