Source pic: 31mag

Il GroenLink e le organizzazioni ambientaliste sono furiose per l’assenza di riferimenti ambientali al pacchetto di aiuti per KLM. A parte una riduzione nel numero di voli notturni, la compagnia di bandiera non dovrà sottostare ad altre condizioni ambientali aggiuntive, se non quelle già esistenti.

Quindi: riduzione delle emissioni nocive entro il 2030 e carburanti sostenibili. La ministra alle infrastrutture ha ammesso che non si tratta di rivoluzione ma ora, secondo l’esecutivo, le norme sono nero su bianco.

 

I rosso-verdi non hanno gradito: secondo il Groenlinks, il governo sta lasciando il settore dell’aviazione sostanzialmente libero di tornare ad inquinare come prima della crisi. “Questi non sono requisiti severi, ma il green washing che siamo abituati a vedere nel settore dell’aviazione”, ha detto ad ANP la parlamentare Suzanne Kroger.

Greenpeace Nederland ha definito “inaccettabile”il pacchetto. Nel comunicato stampa si legge: “Oggi il governo ha deciso di salvare KLM con 3,4 miliardi di euro di denaro dei contribuenti, senza condizioni ecologiche”, ha affermato l’organizzazione ambientale.