Ozcan Akyol: Il populismo e l’Elfstedentocht”La neve sta colpendo le scuole primarie, i trasporti pubblici,le partite di calcio, e così via, ma niente o nessuno può fermare il populismo politico”, scrive Ozcan Akyol su AD “Ciò è diventato chiaro ancora una volta, quando i meteorologi hanno predetto all’unanimità che il gelo, che non abbiamo visto in questa misura per anni, sarebbe rimasto nel nostro paese, forse fino alla fine del mese”.

Basta un attimo, dice il columnist, che la parola freddo, scongeli quella ‘Elfstedentocht’, dopodiché i meteorologi e tutti i tipi di atleti possono condividere il frutto della loro immaginazione con il resto della popolazione, sapendo che un altro virus sarà in circolazione: il virus del pattinaggio”

Al Binnenhof, dove alla fine di questa settimana inizierà la pausa elettorale, sono alzate tutte le antenne che dovrebbero assorbire grandi sogni e piccoli pensieri viscerali, ed è per questo che i politici hanno agguantato il freddo al volo, dice ancora Akyol.

Improvvisamente, si è scatenata un’unanimità nazional-popolare dove destra e sinistra discutono di come svolgere l’Elfstedentocht, una maratona occasionale sui pattini su ghiaccio, la più lunga al mondo, che si svolge in Olanda quando il tempo lo permette. E dal 1997, fino ad ora, il tempo non lo ha più permesso.  “Pensa, D66 e PVV erano finalmente riusciti a trovarsi nell’arena politica, vale a dire nell’area dei potenziali elettori a buon mercato”.

Alla fine, dice il columnist, la maratona non sarebbe stata possibile fin dall’inizio: con una pandemia in corso non c’è modo di poter svolgere in sicurezza l’Elfstedentocht. Ma a chi importa?  “La promessa dei politici si basa sulla fantasia e sull’assertività. ‘Se il ghiaccio è abbastanza spesso, il #Elfstedentocht deve continuare. Questa tradizione olandese non dovrebbe essere vietata a causa del lockdown”, ha detto il leader di estrema destra Thierry Baudet.

Presto il ghiaccio si scioglierà di nuovo, proprio come la credibilità di tutte queste persone.