Iniziativa della Chiesa: donare un risarcimento energetico alle persone che sono strette

Una chiesa a Ommen ha lanciato un’iniziativa: chiedere alle persone che non hanno bisogno del sussidio del governo per l’energia lo donino a persone economicamente in difficoltà. L’iniziativa è stata un successo e ora, diverse chiese nei Paesi Bassi hanno aderito.

“È stato un gesto spontaneo”, dice a NOS Kest Jelsma, parroco a Ommen, nella provincia dell’Overijsselse. “Quando il governo ha annunciato che avrebbe messo a disposizione un sussidio di 400 euro di compensazione per l’aumento dell’energia attraverso un taglio delle tasse, molti dicevano che non ne avevano bisogno. Ecco perché mi sono rivolto ad altre chiese qui nel comune per fare qualcosa. ”

Nel frattempo, altre chiese del paese sono impegnate in questo tipo di iniziative, come  ad Apeldoorn.

Come funziona? A Ommen, i cittadini possono depositare quei soldi in un fondo: “Il denaro proviene, ad esempio, da persone che trascorrono l’inverno in un paese lontano e quindi non hanno problemi con gli alti costi energetici”, afferma Jelsma.

I soldi andranno alle persone a basso reddito sotto forma di buoni spesa, a partire da gennaio, per evitare problemi con il fisco, dice NOS.

L’anno prossimo tutti riceveranno uno sconto sulla tassa energetica: a tal fine, il ministero ha stanziato 2,7 miliardi di euro. Per i bassi redditi, arriva un sussudio di almeno 200 euro. Questo viene pagato attraverso i comuni: le persone in assistenza sociale lo ricevono automaticamente, il resto dei beneficiari a basso reddito deve presentarsi al comune stesso.