Il partito laburista PvdA ha annunciato che non voterà il nuovo pacchetto di sostegno diretto alle attività colpite dal coronavirus,  se non viene mantenuta la sanzione anti licenziamento. Il leader del partito, Lodewijk Asscher, presenterà una nuova proposta al parlamento giovedì, riferisce il Telegraaf.

Secondo il leader di PvdA, le aziende più danneggiate dall’emergenza Covid-19, possono essere aiutate in altri modi, senza dover rinunciare alla sanzione anti licenziamento. La sua proposta prevede, infatti, un rimborso del 100% sui salari, da parte del governo. Inoltre, per aiutare ulteriormente le aziende in crisi, è possibile dare loro la possibilità di concedere un pensionamento anticipato per i dipendenti meno giovani.

Il primo pacchetto a sostegno delle imprese durante l’emergenza prevedeva una sanzione per le aziende che, ricevendo aiuti finanziari dallo stato, decidessero di licenziare i propri dipendenti. Il governo sta pianificando di eliminare questa multa dal secondo pacchetto poiché, obbligando le aziende a non licenziare, si rischia il collasso delle stesse e la conseguente perdita di lavoro per tutti i dipendenti.

D’accordo con il PvdA, anche le organizzazioni sindacali e i partiti di opposizione, preoccupati per il rischio di licenziamenti di massa.