Il presidente della Camera, Khadija Arib e il deputato del Partito socialista SP Peter Kwint, hanno messo in scena un siparietto alla Tweede Kamer che ha attirato la curiosità di diversi utenti sul web ed è diventato virale.

Peter Kwint, 33enne eletto nelle liste dell’SP è noto per il tono informale e per la passione per la musica ma quando ha chiesto la parola mercoledi 10 aprile, intervenendo in aula durante un dibattito sulla situazione della scuola è stato ripreso dalla presidente della camera per il suo abbigliamento “casual”, maglia scollata e tatuaggio in vista, nella sede istituzionale.

“Deputato Kwint, dove è la sua giacca?” ha chiesto pacatamente la presidente e l’onorevole, con sarcasmo, ha risposto: “Ho una lavatrice molto lenta e una pessima asciugatrice “, ha risposto Kwint con risate nell’aula.

Su Twitter l’onorevole informale ha spiegato il perchè della decisione di non indossare l’abito: “Ho fatto tardi dopo un appuntamento e non potevo perdere  un dibattito su uno dei miei argomenti principali: le pari opportunità nell’istruzione”.

In realtà, spiega AD, l’abbigliamento sarebbe solo desiderabile: non esiste alla camera alcun dress code.