The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Oltre 10mila contagi al giorno: perchè le misure Covid ancora non stanno funzionando?

Photo pic: 31mag/Mara Noto

Le misure funzionano? Oppure no? Il Volkskrant se lo chiede in un pezzo che analizza come i numeri non sembra depongano a favore del governo. Ci sarebbero voluti di 6-9 giorni prima di vedere qualche risultato ma ancora nulla.

O più precisamente: durante la prima ondata, il 60% dell’effetto delle misure era evidente dopo più di una settimana, dice un gruppo di ricerca guidato dall’epidemiologo Harish Nair dell’Università di Edimburgo. Lo studio, spiega il quotidiano di Amsterdam, sarebbe stato pubblicato su The Lancet, e comparava le misure-Covid di 131 Nazioni.

Ma seguendo quel trend, i risultati -questa volta, dopo quasi due settimane di “semi-lockdown”- non arrivano: il numero giornaliero di contagi è in aumento, da circa 7.000 a circa 10.000 al giorno, con la curva dei ricoveri in crescita, mentre nel corso della prima ondata erano in calo.

Il professore di epidemiologia teorica Hans Heesterbeek dell’Università di Utrecht, dice al Volkskrant di essere deluso dai risultati delle misure, benchè il numero di ricoveri sia -comunque- relativamente contenuto e la crescita dei contagi sembri essersi stabilizzata.  Il segnale, forse, è che il picco sia stato raggiunto.

Stando ai dati forniti dalle mappe Google, che segnalano la mobilità nel Paese, dalla fine di settembre, questi dati hanno mostrato una diminuzione costante della frequenza con cui ci spostiamo. E se ciò fosse confermato, potrebbe voler dire che la gente sta aderendo alle misure.

Ma secondo Heesterbeek, ci sarebbero ancora troppi contatti sociali in NL: “Forse è necessario aggiungere qualcos’altro”, altre misure, pensa Heesterbeek. Le professioni di contatto sono ancora consentite, i trasporti pubblici non sono limitati e cinema e teatri sono ancora aperti. Secondo la studiosa, 30 persone sarebbero sufficienti, sul piano epidemiologico, a dare vita ad un focolaio.

Secondo l’analisi di Harish Nair, il 15% di focolai sono stati scatenati dalle scuole; chiudere le scuole, quindi? Molti scienziati ritengono che non abbia molto senso chiudere le scuole, perché i bambini in particolare non sarebbero molto contagiosi ma l’analisi di Nair, dice il Volkskrant, dice altro. Più misure verranno adottate, maggiore sarà l’effetto. Ma in teoria dovresti fare molta strada con le misure attuali, dice il Volkskrant, e al momento si vede poco.

Sul piano dell’attenzione pubblica al Covid, RIVM dice che ora la metà degli olandesi è preoccupata dal corona e in molti rispettano le distanze ed evitano luoghi affollati.

Un altro elemento, dice il Volkskrant, dello studio del gruppo di Harish Nair è la presenza degli altri coronavirus, i virus influenzali stagionali: prediligono un ambiente umido e al chiuso ma di solito, fanno la loro comparsa a novembre. Se le misure fossero state adottate prima, probabilmente sarebbe stato meglio, soprattutto per evitare il sovrapporsi con il Covid-19.