NL

NL

“Olandesizzazione” forzata dell’istruzione primaria: sarà obbligatorio per gli scolari visitare Rijksmuseum e parlamento

Tutti gli scolari d’Olanda dovranno visitare il Rijksmuseum di Amsterdam e la camera bassa, Tweede Kamer, a l’Aia almeno una volta durante le gite scolastiche: lo ha deciso il governo in pectore durante trattative per la formazione del nuovo esecutivo, hanno detto alcune fonti al Telegraaf. I partiti vogliono che questo accordo sia obbligatorio per tutte le scuole.

Molti istituti olandesi portano già i loro studenti alla camera bassa del parlamaento, e nei musei. Il nuovo governo vuole che i bambini frequentino questi luoghi per poter conoscere la cultura olandese in maniera positiva, secondo quanto riporta il giornale.

Visitare il Rijksmuseum e il parlamento fa parte del piano culturale al quale il nuovo esecutivo sta lavorando. Insegnare ai bambini l’inno nazionale e la costituzione sono altre componenti essenziali.

Secondo il Telegraaf, i 4 partiti hanno avuto alcuni problemi nello stipulare questo accordo. Mentre tutti hanno ritenuto importante insegnare ai bambini l’identità olandese, sulla modalità da adottare le opinioni sono state contrastanti . VVD e D66 hanno attribuito grande valore all’individuo, mentre i due partiti cristiani ritengono che la comunità sia più importante. Essi utilizzano questo slogan in merito: “Senza comunità non esiste l’individuo”.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli