Len van Heest, l’uomo olandese espulso Lunedi dal Canada dopo aver vissuto lì tutti i 59 anni della sua vita, è arrivato a Schiphol intorno 10:00 di Martedì mattina. Ad accoglierlo il Salvation Army ed un cugino, che cercherà di aiutarlo a trovare la sua strada nei Paesi Bassi, dice AD.

Il 59enne Van Heest si trasferi in Canada con la madre quando aveva 8 mesi di vita, ma non ha mai avuto la nazionalità canadese. Per questa ragione, sulla base di una legge canadese che prevede l’espulsione degli immigrati che hanno scontato pene superiori ai sei mesi, Van Heest -che da giovane aveva trascorso nove mesi in prigione per possesso d’arma, aggressione e minacce si è ritrova ora deportato nei Paesi Bassi, una nazione a lui sconosciuta.

Suo cugino, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha detto al quotidiano AD che incontrare il parente lontano è stata un’esperienza ‘strana’: non si erano mai visti prima ma avrebbe detto alla stampa olandese che Van Heest avrebbe apprezzato il gesto. Secondo la stampa olandese, l’uomo trascorrerà i primi giorni presso le strutture dell’associazione cristiana in attesa di una sistemazione più stabile.