The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Olanda, PM Rutte criticato: ha creato confusione su misure Covid

Il primo ministro Mark Rutte è stato criticato mercoledì scorso in parlamento per il modo in cui lui e il ministro della Salute Hugo de Jonge hanno annunciato le nuove misure per contrastare l’ascesa dell’epidemia Covid in Olanda.

Secondo i partiti dell’opposizione, ma anche della coalizione, Rutte e De Jonge hanno dato l’informazione essenziale “di sfuggita”, creando confusione sulla proroga o meno delle misure, come riporta AD.

Il parlamentare dei Democratici 66 Steven van Weyenberg, che stava sostituendo il leader del partito Rob Jetten al momento in quarantena perché positivo al Covid-19, è stato molto critico su come Rutte ha dato l’informazione. “Se è vero che le misure saranno estese, è stato detto  in un modo molto poco empatico“, ha detto. Infatti,  il Segretario di Stato, Mona Keijzer degli Affari economici, ha successivamente affermato nella sera di martedì che le misure non sarebbero state prorogate, aumentando la confusione.

Il leader di GroenLinks, Jesse Klaver, ha chiesto chiarezza. “Questo è stato un annuncio enorme, fatto di sfuggita.”

Rutte ha spiegato che il governo non ha ancora deciso se il lockdown parziale sarà esteso o meno dopo la metà di novembre. Ha aggiunto che il numero di contagi da coronavirus deve essere drasticamente ridotto per tenere il virus sotto controllo, ha detto Rutte. Ciò significa ridurre le nuove infezioni  da Covid in Olanda a non più di 1.200 al giorno. Il governo si aspetta che l’estensione del lockdown parziale sarà necessaria per raggiungere questo obiettivo.

“Il pacchetto di misure potrà rimanere in vigore per tre o quattro settimane in più”, ha detto Rutte. Il governo prenderà questa decisione martedì prossimo, domani, sulla base dei dati della diffusione del coronavirus nei prossimi giorni.

La situazione nel paese è in peggioramentoSe dopo queste misure i miglioramenti saranno deludenti, si renderanno necessarie “misure draconiane e a lungo termine”, ha detto Rutte. Questo potrebbe significare un blocco ancora più stretto rispetto a marzo, che avrebbe “enormi conseguenze sociali”. Rutte ha anche avvertito che un tale blocco dovrà essere attuato per più di qualche settimana per essere efficace.