Source pic: screenshot Tweede Kamer

Pieter Omtzigt, il deputato che ha contribuito a far emergere lo scandalo dei sussidi vuole sapere quando il governo intende risarcire le vittime:  “Voglio avere un calendario”, ha detto intervenendo nel corso del dibattito sullo scandalo dei sussidi.

Omtzigt, benché sia deputato di maggioranza, è durissimo con i suoi alleati: non si fida del regime di compensazione messo in piedi dal governo:  “Solo il due per cento è stato aiutato e più soldi sono andati alle autorità fiscali che ai genitori”, dice NOS.

È anche infastidito dal fatto che il governo abbia già disatteso il primo impegno: dare informazioni più puntuali. Viceversa, i parlamentari hanno ricevuto un pacchetto di risposte alle loro domande molto vaghe e soprattutto le hanno ricevute solo ieri sera.

Il deputato del CDA critica fortemente lo stato olandese: perché, secondo lui, il potere e il contropotere non stanno funzionando. “C’è uno stretto legame tra il governo e la Camera dei rappresentanti, tra il governo e la stampa”. Pensa che sia per questo che nessuno ha prestato attenzione alle sofferenze di circa 100.000 persone, cioè le 30.000 famiglie colpite. “Qualcosa non va nei Paesi Bassi”.

Anche i gruppi di interesse, secondo Omtzigt vengono sconfitti. Non criticano mai con durezza perché tutti sono coinvolti, dice il parlamentare CDA che secondo NOS ha definito l’Olanda una “monarchia delle banane”.