La ministra Kasja Ollongren, colpita da una mozione di censura -la prima in 150 anni- votata dal Senato, non tornerà sui suoi passi e non rispetterà il volere della Camera Alta, che a maggioranza aveva chiesto di congelare l’aumento degli affitti per il 2020, a causa dell’emergenza corona.

In risposta, i senatori hanno annunciato che respingeranno ogni disegno di legge presentato dalla ministra e che la stessa approvazione del bilancio, in autunno, sarà molto difficile per il governo. L’esecutivo, infatti, non ha maggioranza al senato ed è costretto ad appoggiarsi a partiti dell’opposizione, che sul tema non sembrano intenzionati a voler cedere.

Dal canto suo, il governo ha deciso di ignorare tanto la mozione per il congelamento degli affitti quanto quella di censura dando vita ad uno scontro istituzionale senza precedenti.