La ministra dell’Agricoltura Carola Schouten vuole adottare misure drastiche per rendere la politica sui fertilizzanti più semplice e meno suscettibile di frode, scrive Dagblad van Het NoordenSe dipendesse da lei, nei Paesi Bassi rimarrebbero solo due modelli di business per gli allevamenti di bestiame.

O aziende agricole piccole, in cui tutto il letame prodotto viene sparso sul proprio terreno o su quello di un’azienda partner oppure quello di una partnership (regionale), o di aziende zootecniche non legate al suolo (allevamento intensivo) dove tutto il letame viene rimosso e lavorato.

Tale prospettiva sarebbe evidente dai piani annunciati per la politica sui fertilizzanti.  Dopo quasi due anni di consultazione con le parti interessate, i risultati verranno pubblicati oggi: la politica attuale non è abbastanza efficace, secondo il Ministero dell’agricoltura, c’è ancora un’eccedenza di letame e molti agricoltori lamentano troppe regole (tecniche). Inoltre, l’attuale problema dell’azoto è un motivo per affrontarlo in modo diverso, scrive Dvhn.

“Oggi voglio gettare le basi con cui stimoleremo l’agricoltura circolare, miglioreremo la qualità dell’acqua e lavoreremo per una più semplice regolamentazione del mercato dei fertilizzanti. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo bisogno almeno di un decennio “, ha affermato la Schouten.

La ministra ha aggiunto di voler premiare le aziende che limitano i rischi ambientali, con regole semplici e immediate per lo smaltimento del letame. Oltre all’aria, l’approccio ministeriale vorrebbe migliorare anche la qualità dell’acqua nelle coltivazioni di ortaggi.