NL

NL

Numero chiuso “nazionalista” e limitazioni ai corsi in inglese: giro di vite del governo NL sugli studenti internazionali

Il ministro dell’Istruzione Robbert Dijkgraaf ha detto al parlamento che presenterà proposte per “gestire” il numero di studenti internazionali all’inizio del prossimo anno, dopo aver bloccato i piani del governo precedente. Le misure includeranno interventi per ridurre i corsi in inglese e per introdurre un “numero chiuso nazionalista” che tuteli gli studenti locali, ha affermato Dijkgraaf secondo AD.

“La disponibilità di un’istruzione superiore per gli studenti olandesi è e rimarrà un principio importante”, ha affermato. All’inizio di questa settimana i parlamentari del VVD e del CDA, partiti di governo,  hanno chiesto a Dijkgraaf di fare di più per limitare il numero di studenti internazionali che arrivano nei Paesi Bassi. “Non è necessario che gli studenti tedeschi studino psicologia in inglese in un’università olandese”, ha detto il deputato del CDA Harry van der Molen durante il dibattito.

I parlamentari sono anche preoccupati per le aule traboccanti e per la mancanza di spazio nei laboratori: circa 85.500 studenti internazionali stanno attualmente studiando in una delle 14 università dei Paesi Bassi e il 72% di loro proviene dall’Europa, secondo i dati pubblicati dall’associazione delle università olandesi il mese scorso. Il totale è un aumento del 7,2% rispetto all’anno accademico precedente, ma ben in calo rispetto alla crescita degli anni precedenti, che variava dal 12% al 15%.

L’associazione delle università olandesi ha condotto una campagna dal 2018 per nuove regole che consentano loro di gestire il flusso di studenti internazionali e l’impatto sulla qualità dei corsi. L’Università di Amsterdam ha già introdotto un limite al numero di posti per studenti di psicologia – 260 in olandese e 340 in inglese – anche se questo non è stato ancora ufficialmente sanzionato.

 

SHARE

Altri articoli