NS sottovaluta quanti treni vengano cancellati a causa di difetti materiali e ha una conoscenza insufficiente delle situazioni pericolose sui percorsi, scrive NRC. Il quotidiano ha esaminato il fascicolo di un ispettore che ha denunciato la situazione nel 2019.

L’Ispettorato ai trasporti (ILT), dove è finito il rapporto, ha concluso dopo un’indagine da settembre 2020 a dicembre 2021 che il sistema con cui NS registra le parti difettose del treno e le riparazioni deve essere migliorato “urgentemente”. L’Ispettorato ha trasmesso questo messaggio in una lettera ai vertici di NS.

L’informatore aveva riferito all’epoca che NS ha sprecato denaro per anni e sta mettendo a repentaglio la sicurezza ferroviaria a causa di una cattiva manutenzione dei treni, scrive NRC. Questo atteggiamento aziendale comporterebbe inutili cancellazioni e ritardi continui. Il focus de difetti si concentra, soprattutto, su porte e freni.

Secondo ILT, ci sarebbero processi “non chiari” e “fuori controllo” nella gestione dei componenti difettosi del treno. Inoltre, NS non avrebbe una buona idea di quali convogli contengano parti nuove oppure di quanti circolino con pezzi rigenerati. Secondo NRC, ciò significa che in caso di richiamo di una parte specifica, è necessario controllare un gran numero di treni per vedere se proprio quel componente è incluso

I problemi con porte e freni sono noti da anni: secondo il rapporto,  la registrazione delle porte dei treni che si aprono o chiudono spontaneamente o dei freni bloccati è incoerente e questo avrebbe come conseguenza, un’eccessiva usura proprio di quelle parti.

L’usura sarebbe stata anche la causa del deragliamento di un treno al Binckhorst, all’Aia nel 2020: “Un treno che NS aveva utilizzato come treno locale, era registrato come un intercity: l’eccessiva usura dei freni, alla fine, ha avuto delle conseguenze”, scrive NRC.

Il quotidiano cita anche un incidente dell’agosto 2021 in cui un turista è rimasto bloccato nella porta: secondo NS si sarebbe trattato di un errore del conducente  ma in effetti, ha concluso l’indagine, anche l’usura e il malfunzionamento hanno giocato un ruolo.