Secondo il quotidiano NRC, quando la movida ha riaperto, il gabinetto non ha aspettato l’esito di un importante esperimento Fieldlab e non ha seguito i consigli dell’OMT. Sulla base delle conversazioni con le persone coinvolte, il giornale scrive che i risultati di uno studio che avessse mappato specificamente i rischi nei locali notturni non erano ancora noti quando il governo ha revocato le restrizioni a metà giugno.

Dopo la riapertura della movida, c’è stato un boom di contagi Covid nonostante il test d’ingresso obbligatorio e il governo ha deciso, in fretta e furia, di cambiare la policy introdotta: ora i club sono chiusi e l’horeca deve alzare le sedie sui tavoli a mezzanotte.

In precedenza era stato annunciato che l’OMT aveva sostenuto requisiti più severi rispetto a quelli stabiliti dal governo: l’OMT voleva che tutti i visitatori e i dipendenti fossero in grado di mostrare un test negativo di almeno 24 ore e non 40 ore. Per il personale, il requisito è stato addirittura abbandonato a causa di considerazioni legali.

Il quotidiano scrive che il gabinetto discuterà la questione di come rendere più sicura la riapertura oggi con Fieldlab, il settore degli eventi e il settore della ristorazione. I locali rimarranno chiusi almeno fino al 13 agosto.