The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Notturno Americano – Racconti d’emigrazione, solitudine e speranze

Domani 3 Ottobre, Emidio Clementi (Massimo Volume) porta ad Amsterdam il suo reading “Notturno Americano”, una raccolta di testi propri e di Emanuel Carnevali, una figura emblematica, e sconosciuta, dell’avanguardia poetica del ‘900.

Nello spettacolo, le biografie dei due autori si mescolano in un tutt’uno: “Abbiamo fatto un percorso per certi tratti simile io e Carnevali – spiega Clementi a 31mag.nl –  la fuga, i lavori marginali, la passione per la scrittura. In lui ho trovato una parte di me meglio messa a fuoco. E’ come se mi fossi servito del suo sguardo per illuminare il mio mondo e raccontarlo.”

L’incontro artistico tra Clementi e Carnevali risale al 1995, quando coi Massimo Volume, Clementi regista il pezzo “Il Primo Dio” in cui racconta la vicenda di Carnevali: giovane espatriato in America, alla ricerca di una vita migliore. La fascinazione di Clementi per Carnevali non si spegne e nel 2012 pubblica il romanzo “L’ultimo Dio”, una sorta di continuum dell’opera di Carnevali dove le biografie si fondono e confondano.

La vicenda personale di Carnevali offre numerosi spunti di riflessione. L’emigrazione, il lavoro mal pagato e precario, la scrittura, la nostalgia nei confronti dell’Italia sono i temi centrali di Notturno Americano. Clementi racconta di aver vissuto emozioni simili durante la sua permanenza in Svezia, dove ha vissuto per un paio di anni. “Un’esperienza traumatica – ci dice – però necessaria nel mio sviluppo artistico, se non altro perché mi ha messo di fronte alla solitudine, come mai mi era capitato prima.”

Se per Carnevali l’America rappresenta “un mondo giovane, pieno di energia, che poteva farlo diventare uno scrittore di successo, – ci dice Clementi – per me l’America è un riferimento letterario. Sono cresciuto con gli scrittori americani e devo a loro la mia passione per le storie.”

Anche la musica ha un ruolo fondamentale nel reading. Ispirata al suono dell’America della tradizione ma anche delle avanguardie, arricchisce il testo con l’atmosfere delle grande città, dove Carnevali crebbe come artista, tra i vicoli malfamati e le grandi avenue di New York e Chicago. Durante il reading, Clementi sarà affiancato da Clementi Corrado Nuccini (basso) e Emanuele Reverberi (violino) entrambi membri dei Giardini di Mirò.

Chiediamo a Clementi se conosce Amsterdam e se ci saprebbe anticipare l’incipit del suo prossimo racconto se fosse ambientato ad Amsterdam. Ci risponde: “Non conosco abbastanza Amsterdam, ma questa data del tour mi darà sicuramente qualche spunto importante.” 

Lo spettacolo avrà luogo al Teatro Mungaga, Schinkelhavenstraat 27-HS, Amsterdam.