@Flickr/European Commission CC 2.0

Le dimissioni del premier italiano Mario Draghi? Secondo il docente di mercati finanziari e le università di Amsterdam, Arnoud Boot, sono una sciagura per il paese.

Secondo NOS, il “salvatore” dell’Italia era una garanzia  per l’Italia per poter accedere ai sussidi covid dell’Unione Europea rassicurando i mercati finanziari. “Draghi era lì per portare soldi all’Italia, da tutti i fondi europei”, dice il docente a NOS e aggiunge che la sua presenza come capo della coalizione, avesse rassicurato anche i partiti nazionali in Olanda nel voler aiutare l’Italia.

“l’Italia è importante per la politica della Banca Centrale Europea e per raggiungere i suoi obiettivi punto con draghi al timone si sarebbero potuti attuare riforme nell’interesse dell’Italia ma anche dell’eurozona e quindi dei Paesi Bassi”, dice Maartje Wijffelaaras di Rabobank al portale della TV pubblica olandese.

Il successore di Draghi, secondo l’analista di rabbobank, potrebbe non essere un bene per la stabilità italiana nell’eurozona: chiunque seguirà non garantirà la stabilità che ha garantito draghi, prosegue l’analista e se dovessero insediarsi partiti populisti, l’incertezza aumenterebbe. Se la banca centrale non riuscisse a tenere l’Italia fuori dalla tempesta, alla fine l’euro per intero andrebbe in crisi, continua il docente Boot.

L’articolo del portale ritorna su un punto spesso discusso sui media olandesi: il problema del debito pubblico italiano le stelle e il timore che hanno i contribuenti olandesi di dover pagare per gli italiani.