Diversi turco-olandesi sono bloccati in Turchia accusati di aver criticato il regime di Erdogan. Secondo NOS sarebbero fino ad un centinaio i nederturks trattenuti; molti di loro si erano recati nel paese della mezza luna in vacanza o a visitare le famiglie.

Secondo il Ministero degli Affari Esteri a l’Aia sarebbe ora in corso contatti con persone bloccate da Ankara.

Quanto ai fermi, secondo NOS, sarebbero da attribuire -secondo le autorità turche- ai contatti con il movimento del religioso Gülen, considerato artefice del tentato golpe della scorsa estate

Anche i turchi con doppia nazionalità, provenienti da altri paesi europei hanno difficoltà a lasciare la Turchia: sono almeno dieci, e forse decine, i turco-tedeschi nella stessa situazione.