CoverPic: Pixabay

Nonostante la pandemia, il numero di casi legati a problemi di salute mentale nei Paesi Bassi, sembra non aver avuto un aumento significativo. Sicuramente il quarto trimestre del 2020 ha visto una costante e maggiore crescita rispetto agli anni precedenti, afferma CBS, l’ufficio statistico, ma è rimasto pressoché stabile negli ultimi quattro anni.

In un sondaggio, l’ufficio statistico ha riportato che circa il 12% della popolazione olandese di età pari o superiore a dodici anni ha manifestato problemi psicologici nell’ultimo anno. Anche in questo caso si tratta delle stesse cifre riportate tra il 2017 e il 2019.

Tuttavia, quando si sfiora la fascia tra i 18 e i 40 anni la percentuale dei casi raggiunge il 14%, mentre le persone affette da malattie mentali con più di 65 anni sono solo del 10%. Gli intervistati di età compresa tra i dodici ei 18 anni rimangono il 7%.

Inoltre, è stato notato che gli under 65 single e senza famiglia fossero più inclini a soffrire di malattie mentali rispetto alle persone che vivevano con un partner e/o con figli.

Rispetto agli anni passati, la popolazione olandese alle prese con problemi legati alla propria salute mentale nel 2020 è peggiorata nei mesi invernali del quarto trimestre, ovvero lo 0,5% in più rispetto l’anno scorso.