David Paul Ramharak-Peters e Ryan Ramharak aspettano un bambino. Ma poco dopo la nascita del bambino la coppia sposata andrà in tribunale per contestare che Ramharak, che porta il bambino, sarà registrata come madre nel certificato di nascita.

Ramharak identifica come non binario. Le persone non binarie non si identificano né come maschi né come femmine. Motivo per cui Ramharak non vuole essere etichettatə come madre nel certificato di nascita del figlio. “Non mi sento come la madre o il padre, ma come il genitore”, ha detto Ramharak.

La terminologia è importante per il mondo esterno, secondo Ramharak. “Riguarda il modo in cui ti rivolgi nel mondo esterno. Ad esempio, quando vai a iscrivere tuo figlio a scuola. Quindi, è conveniente avere documenti che riflettano che sei il genitore. La coppia aveva in programma di iniziare il procedimento poco dopo la nascita del figlio.

Ramharak si è resə conto di quanto sia importante la terminologia quando hanno cambiato nome dopo la transizione alcuni anni fa. “Ho notato l’importanza di un tale certificato. Se viene registrato in modo errato dall’inizio, è piuttosto un casino”.  La coppia ha già deciso come vuole che il loro bambino li chiami. “Ryan sarà baba e David sarà papà”, ha detto Ramharack.

Ramharak-Peters vuole essere registrato come padre nel certificato di nascita. La coppia spera che in futuro tutti i genitori avranno il diritto di scegliere come vogliono essere registrati nel certificato di nascita. Ramharak ha anche aspettato di ottenere una X sul passaporto invece di essere elencato come maschio o femmina.

“Spero che la X mi aiuti in seguito a registrarmi come genitore invece che come madre”, ha detto Ramharak