Pic: Pixabay

I medici di base e le istituzioni che hanno vaccini avanzati possono segnalarlo a prullenbakvaccin.nl, un sito web online da oggi, dice NOS. Le persone che volessero essere vaccinate ma non hanno ancora il loro turno possono mettersi in lista. Anche i medici di base non devono buttare via i vaccini, dicono gli iniziatori. Per inciso, la situazione riguarda un numero molto limitato di vaccini che rimangono quando una fiala è stata aperta.

Il sito web ha una mappa speciale su cui le persone possono cercare un vaccino disponibile nel raggio di 20 chilometri dal loro luogo di residenza; il sito mostra quindi i dettagli di contatto dello studio medico o dell’istituto a cui possono recarsi.

L’iniziativa è stata lanciata da medici che non tollerano lo spreco di vaccini. “Una settimana fa circa, il GP Marco Blanker ha scritto sui social che doveva gettare i vaccini nella spazzatura”, scrive Marlies Schijven, chirurgo dell’UMC di Amsterdam. “Molte persone sono rimaste scioccate”. Insieme a un medico di base in formazione Bernard Leenstra e allo sviluppatore di software Anees Saban, hanno creato il sito web prullenbakvaccin.nl in un fine settimana, dice NOS.

“Se non dovessi buttare via altri vaccini per questo motivo, sarebbe fantastico”, ha detto Leenstra a NOS. “Ho visto persone molto malate qui ed è terribile quando devi buttare via i vaccini.” L’iniziativa è stata ben accolta sui social media.

Sono state redatte linee guida per i vaccini residui, ma non sempre sono state chiare. Tuttavia, il ministero non sostiene l’iniziativa: “Questa idea sembra simpatica, ma non è un’idea sensata”, ha detto il ministero della Salute. “I vaccini provengono da RIVM che determina la distribuzione. I medici che hanno vaccini avanzati possono farlo ridistribuire tramite i “mediatori di vaccinazione” del RIVM.

Marco Blanker, uno degli iniziatori, dissente: “Ciò che facciamo non è in conflitto, ma piuttosto sostiene la politica del ministero. Nel senso che vogliamo evitare che anche una sola siringa venga gettata. Quindi continueremo. “