Il governo non prevederà “corsie preferenziali” per chi decide di vaccinarsi contro il Covid: ricerche condotte da varie istituzioni, tuttavia, mostrano che quasi tre quarti degli olandesi sarebbero favorevoli a dare ai vaccinati più libertà rispetto alle persone che non si sono vaccinate.

Ad esempio, potrebbero andare in un bar dopo un’epidemia di corona in una certa area, mentre alle persone che hanno rifiutato la vaccinazione potrebbe essere negato l’accesso. Per inciso, tale distinzione dovrebbe essere fatta solo se tutti hanno avuto l’opportunità di essere vaccinati.

Il ministro De Jonge ha sottolineato al Consiglio dei ministri che la vaccinazione non è obbligatoria e che vede molti svantaggi nel sistema di “ricompensa”, dice NOS: non dovrebbero esserci forzature o coercizione, dice il ministro.

Pur sottolineando l’auspicio che un numero elevato di persone decida di vaccinarsi, una sorta di obbligo indiretto potrebbe ottenere effetti opposti a quelli desiderati, dice il ministro: “La copertura vaccinale deve essere la più alta possibile, ma la gente vuole che sia una vera e propria libera scelta”, conclude NOS.