Il sindacato dei medici LHV ha fatto sapere che circa il 60 % dei medici di base nei Paesi Bassi si trova in grossa difficoltà per carenza di personale. Questo dato è il risultato di un sondaggio svolto su 2500 campioni ed il motivo sarebbe riscontrabile nel fatto che molti dipendenti aspettano a casa il risultato del loro test per il covid.

L’associazione si è anche detta preoccupata per i servizi sanitari locali GGD poiché sono quindi esposti ad un sovraccarico di test, tanto da non avere tempo di comunicare i risultati dei pazienti ai medici.

L’elevato numero di assenze fra gli uffici dei GP ha portato i distretti sanitari a coprire (ai limiti del possibile) queste carenze, così come riferito da Carin Littooij del LHV a NOS: “In questo modo c’è poco tempo da dedicare ad ogni paziente ed in autunno/inverno non sarà possibile proseguire in questo modo – e continua – Invitiamo comunque le persone a rimanere in contatto con il medico di famiglia, soprattutto se hanno sintomi”.

Littooij si è anche soffermato sul problema del tracciamento dei pazienti malati con RTL Nieuws: “E’ importantissimo per i medici di base sapere se i pazienti sono risultati positivi, abbiamo bisogno di informazioni per sapere come approcciare e trattare i pazienti”. Per ultimo, il portavoce ha anche lanciato una proposta: “Siamo in trattativa da mesi con il Ministero della Sanità pubblica e le GGD per trovare una soluzione digitale con la quale si possa ricevere informazioni sui pazienti positivi, e preferibilmente anche negativi. Ci chiediamo perché questo progetto non sia ancora riuscito a decollare” e termina con: “Abbiamo disperatamente bisogno di queste informazioni per fornire la migliore assistenza ai nostri pazienti”.