A causa della copertura nuvolosa nei Paesi Bassi, si rischia di perdere un momento raro dell’astronomia. Un evento che non si verificava da più di 800 anni, Giove e Saturno saranno distanti solo 0,1 gradi dal punto di vista terrestre e saranno visibili nei cieli notturni.

Soprannominata la “Grande Congiunzione“, l’evento celeste dà la percezione come se ci fosse una grande stella luminosa nel cielo, che alcuni hanno paragonato alla Stella di Natale della storia della Natività nella Bibbia. L’ultima volta che ebbe luogo la Grande Congiunzione fu nel 1623, ma è la prima volta dal 1226 che il fenomeno ha avuto luogo poco dopo il tramonto.

In linea di principio, la congiunzione doveva essere visibile tra le 17:15. e le 18.15, con il tramonto appena prima delle 16:30, se si fosse verificata una rottura inaspettata nel tempo tetro della giornata. Con un telescopio o buon binocolo è possibile vedere gli anelli di Saturno, così come diverse lune che circondano entrambi i pianeti.

L’agenzia meteorologica olandese aveva previsto che lunedì sarebbe stato piovoso e nuvoloso. Ma ci sarà un’altra possibilità di vedere la convergenza dei pianeti martedì allo stesso orario. Sempre se il tempo gioca a favore.

I due pianeti, in genere, si allineano circa ogni 20 anni, ma con una distanza molto maggiore. L’ultima volta che la convergenza di Giove e Saturno fu visibile nel 1980, ma anche allora la distanza tra i due pianeti era dieci volte maggiore di lunedì notte, simile a come potrebbero apparire nei cieli nell’anno 2040. 

Si prevede la prossima Grande Congiunzione, il 15 marzo 2080, a condizione ovviamente che il meteo olandese lo consenta.