Nieuwegein rompe ufficialmente i legami con la città gemella polacca di Pulawy. La decisione è stata presa in seguito all’adesione di Pulawy al gruppo di comuni polacchi (circa il 30% del totale) che attuano le cosiddette “zone senza gay” – aree in cui le persone della comunità LGTBQ non sono autorizzate a parlare del loro orientamento, riferisce NOS.

“Stabilire quelle zone franche gay è una cosa seria e il nostro consiglio comunale ha fatto una dichiarazione molto chiara: questo non è accettabile“, ha detto l’assessore di Nieuwegein Marieke Schouten. Il consiglio comunale si è opposto all’unanimità all’introduzione di queste zone e ha quindi deciso di rompere i legami con Pulawy.

Secondo Schouten, Nieuwegein è a favore dell’ inclusività. “Siamo una città arcobaleno“, ha detto. “E siamo entrambi parte dell’Europa, nella quale crediamo che tu possa essere chiunque tu sia negli spazi pubblici, indipendentemente dal tuo orientamento. Questo è in netta controtendenza con un concetto di zona così priva di persone gay.”

Il comune di Nieuwegein ha cercato di parlare con la sua controparte di Pulaway, ma non ha ricevuto risposta, ha affermato Schouten. Sebbene i politici locali abbiano detto ai media polacchi che “Nieuwegein non dovrebbe interferire nella politica polacca”, secondo l’emittente. “Speriamo quindi che le persone interessate, che appartengono alla comunità LGBTQ in Polonia, si sentano supportate da noi”, ha affermato Schouten.