Niente ombra e stress da caldo: le pecore olandesi soffrono

Con l’aumento delle temperature nei Paesi Bassi, tre quarti delle pecore nella provincia dell’Olanda Settentrionale non ha modo di trovare ombra per rinfrescarsi, ha scoperto l’organizzazione per il benessere degli animali Wakker Dier.

Il gruppo della lobby ha esaminato 5.000 pecore in 134 campi della provincia e ha scoperto che circa il 75% non aveva accesso all’ombra. La ricerca ha avuto luogo il 31 luglio quando le temperature sono salite fino a 31 gradi.

Le pecore soffrono di stress da caldo dai 23 gradi in su, ha detto la portavoce di Wakker Dier Anne  Hilhorst. “Abbiamo trovato migliaia di pecore ansimanti. Esporre le pecore a 30 gradi Calsius è irresponsabile. È una tortura per loro”, ha detto.

L’organizzazione afferma che la sua ricerca ha coperto circa il 4% di tutte le pecore nei Paesi Bassi. La Frisia ha il maggior numero di pecore dopo la provincia dell’Olanda Settentrionale.

“La situazione sarà diversa da provincia a provincia”, ha detto Hilhorst, “ma guardando questi risultati temiamo il peggio. Riceviamo molte segnalazioni di pecore che soffrono di stress da caldo anche da altre province. Gli allevatori non sono chiaramente preparati per delle estati così calde”.

Wakker Dier ha anche detto che la soluzione al problema è piantare alberi o posizionare strutture nei campi in modo che facciano ombra, e che questo dovrebbe essere parte di un approccio nazionale del governo. Finora il ministro dell’agricoltura Carola Schouten ha prestato poca attenzione al problema dello stress da caldo, ha detto l’organizzazione.

Gli stessi agricoltori stanno già lavorando a un piano per affrontare il problema, riferisce NOS. “Gli allevatori, compresi gli allevatori di pecore, hanno interesse a mantenere i loro animali al sicuro dallo stress da calore”, ha detto all’emittente televisiva un portavoce del gruppo di lobby LTO.

LTO ha detto che si stanno appellando ai loro membri, chiedendo di essere pronti a un alto livello di calore, ma ha anche affermato di non poter dire se i risultati della ricerca riflettono veramente la situazione sui terreni in Olanda.

SHARE

Altri articoli