+31mag Channels

The Netherlands, an outsider's view.

VLUCHTELINGEN

Nessuna umanità per Zuzu: il bimbo Down e la sua famiglia verrano espulsi dall’Olanda. Il governo: non siamo l’ospedale del mondo

Ma l'esperto di sindrome Down, Michel Weijerman, ha dichiarato all'AD che Zuzu non ha futuro in Iraq



Pic credit: defend the children

Un bambino di cinque anni con sindrome di Down, sua madre e suo fratello minore verranno espulsi in Iraq, dopo che il sottosegretario alla giustizia Mark Harbers ha respinto la richiesta di concedere asilo per motivi umanitari.

Il sindaco di Amersfoort, che ha lanciato un appello urgente per la misura, ha detto oggi che è estremamente deluso dalla decisione del ministro. “La salute di Zuzu, la famiglia distrutta, il trauma della guerra e il futuro di Khansaa come madre single in Iraq sono così disperati che ho creduto sarebbe stata fatta un’eccezione”, ha detto Lucas Bolsius.

Il bambino, soprannominato Zuzu, è nato in Siria ma ha nazionalità irachena, come sua madre. Suo padre è palestinese e vive con sua sorella in Siria. A novembre l’emittente televisiva NOS aveva chiesto al governo se un bambino con sindrome Down avrebbe avuto maggiori probabilità di rimanere nei Paesi Bassi.  Un portavoce aveva detto: “Se riguarda una condizione medica, allora ci si chiede se la persona può ottenere le cure di cui ha bisogno nel paese di origine Altrimenti, i Paesi Bassi diventeranno l’ospedale mondiale.

Per il governo la sindrome di Down non è qualcosa che si verifica solo nei Paesi Bassi. Ma l’esperto di sindrome Down, Michel Weijerman, ha dichiarato all’AD che Zuzu non ha futuro in Iraq. “Vivrà in un campo profughi, dove la sua salute precaria non potrà resistere”, ha detto Weijerman al quotidiano AD.



31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!