Il bombardamento aereo è avvenuto a Hawija in Iraq nel 2015, e causa di esso sono morti 70 civili. Il raid aereo aveva come target una fabbrica di bombe ISIS. Solamente l’anno scorso si è scoperto del coinvolgimento olandese nell’operazione.

Il ministro della Difesa Ank Bijleveld aveva chiesto al Comitato di Sicurezza (OVV) di esaminare le circostanze relative all’attentato, a seguito di un’inchiesta aperta da alcuni parlamentari.

Tuttavia, il presidente di OVV, Jeroen Dijsselbloem, ha ora affermato che gli statuti del Comitato di Sicurezza non gli consentono di indagare sulle “operazioni di combattimento” e che nessuna eccezione può essere fatta.

Inoltre, OVV, che ha un budget di 13 milioni di euro, non aveva abbastanza fondi per portare avanti l’indagine, ha detto Dijsselbloem. “Non abbiamo le risorse finanziarie per indagare su Hawija e non vogliamo chiedere più denaro ai ministri”, ha affermato.

Ciò potrebbe creare il rischio che i ministri esercitino influenza sulla ricerca, ha affermato. All’OVV sono stati concessi finanziamenti supplementari per svolgere le indagini sul disastro dell’MH17.