Nessuno parla olandese nel più grande centro di vaccinazioni Covid della capitale, denuncia il parlamentare di Bruxelles Gilles Verstraeten. Il politico ha protestato per la situazione che si sarebbe andata a verificare a Heizel a Bruxelles, scrive VRT.

Il nazionalista fiammingo, deputato per l’N-VA al parlamento di Bruxelles, dice che è “illegale e inaccettabile”. Dice che nessuna guida e nessuna spiegazione possono essere ottenute in olandese nel più grande centro di vaccinazione del Belgio.

Il signor Verstraeten ha raccolto le testimonianze dei fiamminghi che sono stati invitati a visitare il centro e farsi vaccinare. Secondo lo staff non sarebbe stato un problema se i pazienti fiamminghi non capivano a perfezione ciò che il personale (francofono) diceva.

“È fondamentale che gli abitanti di lingua olandese della capitale ricevano informazioni sul vaccino nella loro lingua e possano comunicare in questa lingua”.

Il legislatore ha invitato ad agire il ministro della salute di Bruxelles Elke Van den Brandt (verde fiammingo).