L’associazione dei rivenditori INRetail definisce l’estensione del lockdown un colpo duro ai negozianti. “Soprattutto perché pensiamo che possano essere aperti in sicurezza”, afferma il direttore Udo Delfgou a NOS.

Secondo lui, la decisione non è una sorpresa. “I rivenditori reagiscono in modo molto diverso a questa notizia. Alcuni capiscono, ma ci sono anche malintesi perché non pensiamo che lo shopping sia pericoloso. Inoltre, sembra ingiusto che alcuni negozi, che vendono prodotti non essenziali, possano essere aperti”.

Delfgou non pensa che i rivenditori apriranno nonostante le misure. “Alcuni lo dicono, ma questo è solo dovuto alla tensione. Ciò che è più importante per noi è che il sostegno economico sia esteso. Abbiamo ripetutamente affermato che le misure sono una goccia nell’oceano e non impediscono a parecchi rivenditori di andare in bancarotta. “.

Koninklijke Horeca Nederland (KHN) definisce l’estensione del lockdown “la peggiore notizia per del nuovo anno”. Visti i dati dei contagi e le indiscrezioni dei giorni scorsi, l’associazione i aspettava già un’estensione, ma gli imprenditori non l’hanno presa bene: “È una conferma di quanto sia desolante la situazione”.

L’associazione di categoria afferma che il settore dell’horeca ha assolutamente bisogno di pacchetti di supporto aggiuntivi.