Il museo nazionale olandese per le culture del mondo NMVW restituirà ai rispettivi Paesi di origine le opere d’arte trafugate durante i trascorsi coloniali.

Il museo non aspetterà reclami, ma ha già avviato un’indagine interna per cercare tra le proprie collezioni quegli oggetti che si qualificano per la restituzione, come riporta NRC

“Sappiamo che parte della nostra collezione è stata acquisita durante il periodo coloniale, un periodo di grandi differenze di potere e ingiustizia”, ha detto il direttore di NMVW Stijn Schoonderwoerd all’NRC. 

Quanti oggetti possono essere restituiti e in quali Paesi, non è ancora chiaro. 

Un esempio di oggetti che potrebbero essere restituiti sono i cosiddetti bronzi di Benin, una raccolta di diverse migliaia di statuette in bronzo e ottone presi dagli inglesi alla fine del XIX secolo nell’odierna Nigeria. 139 di queste statue sono nei Paesi Bassi. 

Il NMVW è stato creato nel 2014 da una fusione tra il Tropenmuseum di Amsterdam, il Leiden Museum of Ethnology e il Museo dell’Africa a Berg en Dal. NMVW gestisce le raccolte etnologiche nazionali. 

La sua collezione comprende 375 mila oggetti, alcuni dei quali hanno centinaia di anni. La maggior parte della collezione proviene dall’Indonesia.

Poiché le collezioni sono proprietà dello Stato, la decisione finale di restituire qualcosa sarà presa dal Ministro dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza. 

Schoonderwoerd si aspetta che questo approccio possa essere adottato anche da altri musei sparsi nel mondo.