The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Musei a rischio chiusura, le biglietterie chiedono di evitare i rimborsi

Le misure contro il nuovo Coronavirus (Covid-19) che prevedono la chiusura di musei, teatri e sale da concerto sono state prorogate fino al 28 aprile. Per questo il settore culturale ne sta risentendo molto. Molte agenzie infatti temono di fallire nonostante il sostegno del governo. 

L’associazione dei musei olandesi stima che circa 100 musei nei Paesi Bassi dovranno chiudere definitivamente entro la fine dell’anno. L’associazione ha infatti condotto un sondaggio su 400 musei, da cui emerge che solo un museo su cinque sarà in grado di pagare gli stipendi del mese prossimoIl direttore dell’associazione, Mirjam Moll, sostiene che il  pacchetto di misure del governo per il sostegno del settore, che include una moratoria di tre mesi sugli affitti, non salverà i musei. Tra i più colpiti, ci saranno i musei di piccole e medie dimensioni, e i musei comunali, già in difficoltà dopo i tagli effettuati per la crisi di 10 anni fa.

Le misure anti-Coronavirus minacciano anche i teatri, le sale da concerto e gli organizzatori di festival. Molti degli organizzatori chiedono al pubblico di non richiedere rimborsi per gli eventi cancellati. Chiedono invece di conservare i biglietti già acquistati, o, al massimo, di scambiarli con un voucher spendibile in un altro momento. Legalmente parlando, però, le persone avrebbero il diritto di richiedere la restituzione dei loro soldi. Gli organizzatori degli eventi chiedono però di usare il rimborso come “ultima risorsa”.

La Ministra della Cultura, Ingrid van Engelshoven, dice che anche lei sostiene il sistema di voucher”,Questo aiuta il settore della cultura a rimanere a galla,” spiega la ministra. “Possiamo aiutare gli artisti, semplicemente andando a vedere le loro performance quando le circostanze saranno diverse. Se questo non fosse possibile, si può allora richiedere un voucher, spendibile in un secondo momento.”

Cover Pic: Image by Paul Brennan from Pixabay